Forlì, 20/02/2018

Sentenza ex BCC di Gatteo:

se la Banca non partecipa in proprio ma solo con il suo avvocato alla procedura di media conciliazione obbligatoria demandata dal Giudice,
viene dichiarata l’improcedibilità della causa di opposizione a decreto ingiuntivo.

Nel caso de quo la ex BCC di Gatteo oggi Credito Coop. Romagnolo BCC di Cesena e Gatteo aveva proposto opposizione avverso il decreto ingiuntivo interposto da un proprio ex azionista che rivendicava un surplus pagato su azioni della banca (BCC Gatteo):

si opponeva la banca e il Giudice di Pace di Forlì mandava le parti alla procedura di media conciliazione che si svolgeva avanti ad apposito Organismo.

La media conciliazione, in realtà, non veniva neppure tentata in quanto per la Banca si presentava il solo legale il quale sin da subito manifestava la volontà della propria cliente di non dare corso ad ulteriori incontri.

Il Giudice di Pace di Forlì, sulla scia di un orientamento sempre più seguito dai Giudici di Merito, dichiarava l’improcedibilità dell’opposizione interposta dalla Banca in quanto nonostante fosse stata inviata a tentare la media conciliazione, a parere del Giudice non vi aveva effettivamente dato corso, non comparendo neppure un rappresentante dell’Istituto di credito personalmente.
da qui la giusta declaratoria di improcedibilità dell’opposizione interposta.

sent.-152-18-gdp-forli

Se non visualizzi correttamente leggi qui